Grappa Riserva Carlo Bocchino

 

MATERIA PRIMA

proveniente da uve Nebbiolo da Barolo e da Barbaresco, 
Barbera d'Asti e Moscato d'Asti.

DEGUSTAZIONE

colore molto intenso e profondo dovuto 
alla lunga permanenza in legno, profumo ricco con sentori molto 
prolungati di vaniglia, tabacco, sapore opulento, vellutato e elegante.

GRADAZIONE ALCOLICA

43 gradi

METODO DI DISTILLAZIONE

alambicco discontinuo a vapore 
metodo "Carlo Bocchino". Il distillato è ottenuto alla gradazione di 
70° dopo opportuni scarti di "teste" (i prodotti che compaiono all'inizio 
della "cotta") e "code" (i componenti che emergono alla fine della 
"cotta") per mezzo di colonne con piatti a fungo in rame.

AFFINAMENTO

la Riserva Carlo Bocchino si compone di grappe di diversa età e provenienti da diversi vitigni piemontesi che concorrono a formare un bouquet complesso. Dopo la distillazione, la grappa viene posta ad affinare in carati di rovere di Allier, Troncais e Limousin. Le condizioni di umidità hanno una fondamentale importanza per l'evoluzione della grappa. Anno dopo anno, con un lento scambio con l'aria attraverso le doghe di legno, la grappa stempera la forza e l'alcolicità e si creano l'aroma e il bouquet. Durante gli anni di invecchiamento si ha una perdita per evaporazione in volume non inferiore a 10-15% e in alcolicità di 4-6°. E' il Mastro Distillatore a vigilare durante il processo di affinamento e a decidere quanto tempo lasciarla in carato/botte; è lui a stabilire il momento dell'unione delle varie grappe una volta giunte a maturazione. Un anno prima di essere messa in bottiglia, la Riserva Carlo Bocchino viene travasata dai carati in un fusto di rovere più grande affinché possa armonizzarsi e stabilizzarsi.